Agli Uffizi arriva in dono importante dipinto dantesco del Seicento con il conte Ugolino


Gli Uffizi acquisiscono, grazie a una donazione, un importante dipinto del 1611 circa di fra’ Arsenio: si tratta di una tela raffigurante l’episodio del conte Ugolino.

Agli Uffizi arriva una prestigiosa e rara acquisizione dantesca in occasione delle Celebrazioni per il Settecentenario della morte dell’Alighieri. Il museo ha infatti ricevuto in dono una tela di Fra’ Arsenio, al secolo Donato Mascagni (Firenze, 1570 circa – 1637) raffigurante Il Conte Ugolino, del 1611 circa. L’opera è stata donata dai Friends of the Uffizi Gallery, il ramo americano degli Amici degli Uffizi.

La tela, di grandi dimensioni e anche per questo di notevole impatto, verrà presto esposta, in via temporanea, nella sala della Niobe al secondo piano della Galleria delle Statue e delle Pitture, dove rimarrà fino alla fine dell’anno dantesco. Il dipinto si lega a uno degli episodi più celebri della Divina Commedia, descritto nel XXXIII canto dell’Inferno, quello celeberrimo che vede per protagonista il conte Ugolino della Gherardesca, inserito tra i traditori della patria, che per Dante era il terzo peccato più infamante (dopo il tradimento degli ospiti e il tradimento dei benefattori). Per tale ragione Ugolino viene precipitato nel nono cerchio, nella zona di Antenora, quella dove i traditori della patria sono immersi nelle acque ghiacciate del Cocito con il volto all’insù.

Nella realtà storica, il nobile pisano venne rinchiuso insieme a due figli e due nipoti nella Torre della Muda a Pisa, e lì condannato a morire di fame. Il Sommo Poeta narra la vicenda concludendola con il celebre verso “Poscia, più che ’l dolor, poté ’l digiuno”, ricordando come Ugolino per disperazione si fosse cibato della carne dei congiunti: una parte della storia efferata e cruenta che fra’ Arsenio ha evitato, preferendo il momento non meno drammatico, ma molto meno truce, delle ultime fasi della loro lenta agonia. Nel dipinto viene rappresentata la scena che precede il tragico epilogo, quella corrispondente alla terzina “come un poco di raggio si fu messo / nel doloroso carcere, e io scorsi / per quattro visi il mio aspetto stesso”. Nella resa visiva dei versi danteschi, Fra’ Arsenio raggiunge l’apice del dramma: in primo piano una luce livida rivela due corpi già privi di vita, mentre sullo sfondo si accascia un giovane, consumato dalla fame. Sulla destra un nudo tremante in piedi, prossimo alla morte; Ugolino al centro, raffigurato da tergo, assiste impotente alla fine dei suoi cari prima di morire lui stesso. I corpi si stagliano su uno sfondo scuro, illuminati da un fascio di luce cruda che evidenzia le anatomie, rese nella loro miseria fisica con inesorabile esattezza anatomica. La spigolosità di alcuni profili rivela l’attenzione alla verità e la vocazione naturalistica di fra’ Arsenio, che a Firenze aveva probabilmente assimilato questi caratteri stilistici da Jacopo Ligozzi e dai cicli di affreschi di Bernardino Poccetti.

L’attribuzione della tela al pittore si deve a Mina Gregori, pioniera degli studi sul Seicento fiorentino: grazie all’inconfondibile soggetto, in testi dell’epoca la studiosa ha rintracciato l’ubicazione originaria del dipinto nella Spezieria del Convento Servita della Santissima Annunziata di Firenze, dove è rimasto fino alla seconda metà dell’Ottocento. Fra’ Arsenio, al secolo Donato Mascagni, entrò nella comunità eremitica dei Servi di Maria di Montesenario nel 1605; dal 1608 al 1614 fu interno nel convento fiorentino della Santissima Annunziata, dove realizzò l’opera appena entrata agli Uffizi. Il valore dell’opera è dato anche dalla rarità del soggetto per l’epoca. Dal Medioevo infatti si conosce un numero cospicuo di illustrazioni della Divina Commedia su carta (gli Uffizi possiedono la splendida serie ad essa dedicata con 88 fogli disegnati da Federico Zuccari negli anni Ottanta del Cinquecento), mentre fino all’Ottocento le rappresentazioni in pittura o scultura di episodi danteschi sono piuttosto scarsi.

“Proprio nell’anno di Dante, grazie al generoso dono da parte dei Friends of the Uffizi Galleries”, dichiara il direttore delle Gallerie degli Uffizi, Eike Schmidt, “il Museo si arricchisce di un’opera rara e sofisticata, in passato esposta al pubblico solo in occasione della grande mostra sul Seicento fiorentino a Palazzo Strozzi, nel 1986. È una testimonianza precoce della fortuna della Divina Commedia nella cultura figurativa monumentale: prima di questo dipinto, soltanto Pierino da Vinci (in un bassorilievo in bronzo ora nella collezione del principe di Liechtenstein) si era cimentato proprio nella scena del Conte Ugolino, un soggetto che solo dalla fine del Settecento sarà spesso frequentato”.

“È stato grazie all’associazione no-profit a noi affiliata Friends of the Uffizi Gallery che siamo riusciti ad acquistare e donare agli Uffizi ‘Il Conte Ugolino’ del Mascagni”, dichiara Maria Vittoria Rimbotti, presidente degli Amici degli Uffizi Maria. “Quest’opera, che ricorda un personaggio toscano contemporaneo a Dante Alighieri, fa parte di Firenze ed è giusto che ai fiorentini sia tornata”.

Immagine: Fra’ Arsenio, Il conte Ugolino, dettaglio (1611 circa; olio su tela, 148 x 206 cm; Firenze, Gallerie degli Uffizi)

Agli Uffizi arriva in dono importante dipinto dantesco del Seicento con il conte Ugolino
Agli Uffizi arriva in dono importante dipinto dantesco del Seicento con il conte Ugolino


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma