Padova, prorogata al 30 giugno 2021 la grande mostra sui Macchiaioli


La grande mostra di Padova dedicata ai Macchiaioli è stata prorogata fino al 30 giugno 2021. Due virtual tour conducono in mostra le scuole. 

Prorogata fino al 30 giugno 2021 e quindi visitabile al pubblico appena riapriranno musei e mostre, la rassegna I Macchiaioli. Capolavori dell’Italia che risorge allestita a Padova presso Palazzo Zabarella. Curata da Giuliano Matteucci e Fernando Mazzocca e con il prezioso contributo in catalogo di Silvio Balloni e Claudia Fulgheri, studiosi esperti dei Macchiaioli, espone cento capolavori attraverso cui si intende celebrare “artisti fuori dagli schemi liberi e spavaldi, a dispetto delle convenzioni e delle regole del tempo; artisti che amavano dipingere la quotidianità, il valore umano, gli istanti di vita e l’immediatezza di atti ed emozioni con forza, coraggio e voglia di ripartire giorno dopo giorno con rinnovata energia a dispetto di qualsiasi difficoltà”, secondo quanto dichiarato dal presidente della Fondazione Federico Bano.

“La mostra celebra i Macchiaioli alzando il velo proprio su quelle che sono state le antiche collezioni e i coraggiosi artefici e su tanti aspetti completamente inediti” ha aggiunto uno dei curatori Giuliano Matteucci. “Un’operazione culturale totalmente coinvolgente e di grande efficacia”. 

L’esposizione intende ripercorrere uno dei movimenti più amati dal pubblico, ma con l’intento di riaprire un capitolo importante della storia artistica italiana e di arricchirlo con punti di vista inediti e una ricerca scientifica rigorosa, attraverso fonti spesso trascurate. Il progetto ruota attorno ai collezionisti e ai mecenati dei protagonisti del movimento, come Silvestro Lega, Giovanni Fattori, Giovanni Boldini, Telemaco Signorini, Adriano Cecioni, Odoardo Borrani, Raffaello Sernesi, Vincenzo Cabianca. Si incontrano quindi i personaggi che hanno affiancato e sostenuto il lavoro dei maestri: colleghi pittori che ne hanno intuito la portata innovativa e il valore artistico, come Cristiano Banti, Michele Gordigiani, Ernesto Bertea. Amici mecenati che spesso li accolsero nelle loro famiglie, come i Cecchini, i Bandini, i Batelli, che hanno avuto un ruolo importante nella tormentosa vicenda biografica di Signorini. In particolare è ricordato Diego Martelli, critico e letterato: non solo ha sempre attivamente sostenuto i Macchiaioli, ma ha preparato per loro un luogo d’elezione e d’ ispirazione, ovvero la sua casa a Castiglioncello, aperta sempre per tutti loro, trasformando un borgo per le vacanze borghesi in un simbolo della creatività e libertà di visione.

Inoltre, nonostante questo periodo di chiusura, Palazzo Zabarella accoglie in mostra bambini e ragazzi attraverso due virtual tour di venti minuti in cui si alternano gli allestimenti della mostra e dettagli di importanti opere. La voce guida si concentrerà su temi di vita quotidiana, intimità, lavoro, natura, campagna e animali nel primo tour virtuale rivolto ai bambini di IV e V elementare e I e II media. Focus del primo video saranno le opere: Mietitura del grano nelle montagne di San Marcello di Odoardo Borrani; L’elemosina e Le bambine che fanno le signore di Silvestro Lega; Le faccende di casa di Adriano Cecioni; “Viale con buoi e spaccapietre” di Giovanni Fattori; Al sole e Ritorno dai campi di Vincenzo Cabianca. Il virtual tour invece rivolto ai ragazzi di III media e delle scuole superiori, partendo dal contesto storico in cui i Macchiaoli si trovarono ad operare, affronta in modo approfondito anche la tecnica innovativa e rivoluzionaria di questi artisti. Protagoniste del secondo video sono: L’elemosina e Le bambine che fanno le signore di Silvestro Lega; Giovanni Del Greco medico garibaldino soccorre i feriti durante la battaglia di Bezzecca, La mena in Maremma e Viale con buoi e spaccapietre di Giovanni Fattori; Aspettando e Ore d’ozio a Riomaggiore di Telemaco Signorini.

Per maggiori info: zabarella.it

Immagine: Silvestro Lega, Le bambine che fanno le signore (1872; olio su tela, 60x100; Viareggio, Istituto Matteucci)

 

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraI Macchiaioli. Capolavori dell'Italia che risorge
CittàPadova
SedePalazzo Zabarella
DateDal 24/10/2020 al 30/06/2021
ArtistiTelemaco Signorini, Giovanni Fattori, Silvestro Lega, Giovanni Boldini, Adriano Cecioni, Odoardo Borrani, Raffaello Sernesi, Vincenzo Cabianca
CuratoriFernando Mazzocca, Giuliano Matteucci
TemiPadova, Macchiaioli, Palazzo Zabarella

Padova, prorogata al 30 giugno 2021 la grande mostra sui Macchiaioli
Padova, prorogata al 30 giugno 2021 la grande mostra sui Macchiaioli


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma