Giovanni Fattori - Finestre sull'Arte

Tra vento, salmastro e pensieri. La Libecciata di Giovanni Fattori

Tra vento, salmastro e pensieri. La Libecciata di Giovanni Fattori

Curzio Malaparte, nel suo Maledetti toscani, diceva che il libeccio non è un vento di casa. È il vento umido e caldo che arriva da sud-ovest: spira soprattutto d’estate, s’alza all’improvviso, sferza la costa...
Leggi tutto...

Giovanni Fattori e le vette dell’incisione italiana

Ormai, il famigerato anatema di Roberto Longhi “Buona notte signor Fattori” lanciato ai macchiaioli e a Giovanni Fattori, è stato messo da parte. Il critico piemontese aveva tacciato l’esperienza toscana di provincialismo, ...
Leggi tutto...

“Amo il mare perché nato in una città di mare”. Il mare nella pittura di Giovanni Fattori

Quando a Firenze, nel 1925, venne organizzata la grande Mostra fattoriana per celebrare il centenario della nascita di Giovanni Fattori (Livorno, 1825 – Firenze, 1908), spettò alla critica Margherita Sarfatti (Venezia, 1880 – Cavallasca, 1961), f...
Leggi tutto...




Totale: 1 pagine