Lombardia - Finestre sull'Arte

Un teatro dei sentimenti: il Compianto sul Cristo morto nella scultura lombarda del Rinascimento

Un teatro dei sentimenti: il Compianto sul Cristo morto nella scultura lombarda del Rinascimento

"Il racconto del Rinascimento italiano non può più essere soltanto o prevalentemente toscanocentrico", ci spiega Francesca Tasso, conservatrice del Museo delle Arti Decorative e del Museo degli Strumenti Musicali del Castello Sforzesco di Mil...
Leggi tutto...
Andrea Mantegna, la Madonna col Bambino del Poldi Pezzoli: il racconto di un restauro

Andrea Mantegna, la Madonna col Bambino del Poldi Pezzoli: il racconto di un restauro

Un restauro ottocentesco aveva alterato a tal punto l'aspetto della Madonna col Bambino di Andrea Mantegna (Isola di Carturo, 1431 – Mantova, 1506) conservata al Museo Poldi Pezzoli di Milano da renderla particolarmente difficile da giudicare...
Leggi tutto...

Il Pergolato di Silvestro Lega: la poesia macchiaiola della tranquillità

È curioso sapere che oggi ci riferiamo al più noto capolavoro di Silvestro Lega con un titolo che il suo autore non ha mai sentito in tutta la sua vita. Ed è addirittura sorprendente rendersi conto che non sappiamo niente...
Leggi tutto...
Cavalli e condottieri: Leonardo da Vinci e la storia del monumento equestre a Francesco Sforza

Cavalli e condottieri: Leonardo da Vinci e la storia del monumento equestre a Francesco Sforza

Nelle lettere con cui Leonardo da Vinci (Vinci, 1452 - Amboise, 1519) si presentava tra il 1482 e il 1485 al reggente del ducato di Milano, Ludovico il Moro (Milano, 1452 - Loches, 1508), si legge anche un passaggio (lo vediamo nel foglio 1082 ...
Leggi tutto...

L'Ultima Cena di Leonardo da Vinci: origini e novità del Cenacolo di Milano

Risale probabilmente già al tempo di Leonardo da Vinci (Vinci, 1452 - Amboise, 1519) l'uso di adoperare il termine "Cenacolo" come metonimia per indicare l'opera che il grande artista dipinse sulla parete del refettorio del convento di Sant...
Leggi tutto...

Gian Giacomo Caprotti detto il Salaì: l'allievo “ladro e bugiardo” di Leonardo da Vinci

Presso l'Archivio di Stato di Milano si conserva un documento, datato 21 aprile 1525, che registra l'inventario dei beni di Gian Giacomo Caprotti detto il Salaì (Oreno, 1480 - Milano, 1524), che fu collaboratore e allievo di Leonardo da Vinci...
Leggi tutto...
L'emozione dell'inverno in otto quadri: il “Poema Invernale” di Vittore Grubicy

L'emozione dell'inverno in otto quadri: il “Poema Invernale” di Vittore Grubicy

Il 31 luglio del 1920, quattro giorni prima della sua scomparsa, Vittore Grubicy de Dragon (Milano, 1851 - 1920) lasciava a Milano una delle sue opere più importanti, il Poema invernale ("Quest'opera", si legge nelle sue volontà, "è da me ass...
Leggi tutto...

Boccioni, Forme uniche della continuità nello spazio. La conquista della quarta dimensione

Per comprendere appieno il portato rivoluzionario delle Forme uniche della continuità nello spazio, il capolavoro di Umberto Boccioni, si potrebbe partire da Lucio Fontana e dal suo Manifesto tecnico dello spazialismo: “Il futurismo ...
Leggi tutto...



Articoli meno recenti... | Ultima pagina
Totale: 3 pagine