Manierismo - Finestre sull'Arte

Una lotta violenta che è quasi una danza. Il Ratto delle Sabine di Girolamo Mirola

Sappiamo pochissimo di Girolamo Mirola, e una delle poche certezze su di lui è la sua strettissima vicinanza a quel gran pittore che fu una sorta di suo alter ego, il parmense Jacopo Zanguidi, detto il Bertoja: nella storiografia artis...
Leggi tutto...

Quando Sebastiano del Piombo si alleò con Michelangelo per un capolavoro: la Pietà di Viterbo

L’Albertina di Vienna conserva un disegno, largamente attribuito a Michelangelo, con alcuni studî di mani intrecciate: al centro esatto del foglio, ben staccato da tutto il resto, campeggia un torso maschile, con le braccia piegat...
Leggi tutto...

Il Cristo di Santi di Tito che è risorto due volte

Sono due, in realtà, le resurrezioni che s’ammirano nel superbo capolavoro che Santi di Tito dipinse per l’altare Medici nella basilica di Santa Croce a Firenze, luogo dove la tavola è tuttora conservata. La prima &e...
Leggi tutto...

Un presepe intimo e raccolto: la Natività di Federico Barocci

La Natività è uno dei temi più rappresentati nella storia dell'arte: esistono centinaia di raffigurazioni della nascita di Gesù Bambino che seguono le più tradizionali composizioni da mangiatoia del presepe ...
Leggi tutto...

La “testa di cazzo” più famosa della storia dell'arte: storia dell'opera di Francesco Urbini

"Ogni homo me guarda come fosse una testa de cazi", cioè "ogni uomo mi guarda come se fossi una testa di cazzi": è ben intuibile la traduzione in italiano contemporaneo del cartiglio che adorna la singolare testa composita di un semisconosciu...
Leggi tutto...

La Schiava Turca del Parmigianino: il più celebre ritratto del pittore parmense

Non è una schiava, e non è nemmeno turca: eppure, questa meravigliosa giovane dai capelli castani e dagli occhi verdi, con le sue fini sopracciglia arcuate, lo sguardo civettuolo e le guance arrossate, è passata alla storia dell'arte come la Schi...
Leggi tutto...
Il Sacro Bosco di Bomarzo, un viaggio iniziatico tra le meraviglie del parco dei “mostri”

Il Sacro Bosco di Bomarzo, un viaggio iniziatico tra le meraviglie del parco dei “mostri”

“Tu ch'entri qua pon mente parte a parte e dimmi poi se tante meraviglie sien fatte per inganno o pur per arte”, sentenzia una sfinge, e l'altra: “Chi con ciglia inarcate et labra strette non va per questo loco manco ammira le f...
Leggi tutto...

Immergersi in una scena della Natività: il Presepe manierista di Federico Brandani a Urbino

Era ottobre quando ho avuto occasione d’ammirare per la prima volta dal vivo, a Urbino, il presepe di Federico Brandani (Urbino, 1520 circa – 1575) nell'Oratorio di San Giuseppe; il presepe viene solitamente associato al periodo natalizio...
Leggi tutto...

123...4Pagina 1 di 4